Riforma del mercato del lavoro: le contro-proposte dal Quinto Stato

La riforma del mercato del lavoro sta facendo passare la decisione di aumentare l’aliquota previdenziale per le partite IVA di 6 punti, dal 27 al 33%. Una scelta gravissima che inciderà sulla vita delle lavoratrici e dei lavoratori. La “nuova” assicurazione sociale (ASPI) non è che il vecchio sussidio di disoccupazione, praticamente inaccessibile a chi svolge un’attività indipendente. Non affronta la condizione di precarietà in cui vivono almeno altri quattro milioni di persone, tanto nella pubblica amministrazione quanto nel privato. [...]

Continue reading »