Home » news »

Siamo tutti Macao

 

Siamo la stessa pelle da sempre, in particolare oggi, giorno dello sgombero della torre Galfa a Milano, che abbiamo ribattezzato Macao. Insieme camminiamo veloce, percorriamo queste strade e popoliamo queste piazze insieme con un’intensità sconvolgente. Questo rende il nostro viaggio veloce, leggero, a ogni passo risuona un desiderio, la coscienza anticipante di un futuro comune.

Oggi siamo lavoratrici e lavoratori della conoscenza, dello spettacolo, della cultura, della cura alla persona e del sociale e di tutto il mondo del terziario avanzato. Siamo traduttrici, ricercatori, artisti, curatori, critici, storiche dell’arte, designer, danzatori, attori, autrici, freelance, artigiani e bibliotecari, archivisti, museologi, studenti, operai e stagisti, precarie e scrittori, registi, musiciste, fotografi, scenografi, grafici, tecnici del suono e delle luci. Ma non siamo solo figure professionali, o tipologie contrattuali come co.co.pro., prestatori d’opera o partite iva.

Noi siamo la stessa condizione, quella del Quinto Stato. Siamo cittadini del mondo e oggi siamo tutti milanesi. Lottiamo per una democrazia diretta, per i beni comuni, per un sistema sociale che valorizzi e tuteli la vita, le competenze, il futuro delle lavoratrici e dei lavoratori indipendenti. Non siamo cittadini di quel paese che ci rinchiude nella gabbia dei 47 contratti precari, aumenta l’aliquota previdenziale per gli autonomi al 33%, ci esclude dalle forme universali di tutela del reddito. Insieme denunciamo un sistema organizzativo e produttivo sempre più condizionato da clientela, partitocrazia, consumo e mediocrità. Insieme siamo il paese che vive, lavora, crea.

Oggi siamo tutti Macao. Domani noi saremo tutto.

 







 
 

0 Comments

You can be the first one to leave a comment.

 
 

Leave a Comment