22 giugno: il Quinto Stato al teatro Valle

 

Venerdi 22 giugno, dalle 17 alle 20, nel foyer del Teatro Valle

NUOVE FORME DI COOPERAZIONE SOCIALE CONTRO LA RIFORMA FORNERO.
Reddito, welfare, mutualismo, autogoverno come obiettivi comuni del Quinto Stato

Teatro Valle e Quinto Stato invitano lavorat* autonomi, precari, studenti, reti e movimenti all’assemblea pubblica sulle forme di autorganizzazione del lavoro, reddito, mutualismo e autogoverno nei giorni in cui la riforma del lavoro imposta da Ddl Fornero viene contestata e riportata all’all’attenzione dell’opinione pubblica da azioni, assemblee, presidi, scioperi di settore. Fuochi di una protesta sociale che vuole riaccendersi. Un’occasione anche per confrontarci e progettare insieme il Quinto Stato, un fare comune tra reti, movimenti e persone nell’ottica di una o più coalizioni.

È un’occasione per festeggiare insieme il primo compleanno del Teatro Valle Occupato, impegnato nella lotta per la costituzione di una Fondazione bene comune, un’esperienza che ha già cambiato il modo di concepire l’arte, la politica, la cultura e l’istruzione nel nostro paese. Ma sarà un’occasione anche per confrontarsi e progettare insieme il Quinto Stato, un fare comune tra reti, movimenti e persone nell’ottica di una o più coalizioni.

E questi sono i nostri obiettivi comuni:
– creare moltelici coalizioni sul lavoro e nella società, tra i soggetti esistenti ma soprattutto con quelli che verranno.
- federare le esperienze di indipendenza, autogestione e cooperazione nel lavoro della conoscenza, della cultura e dello spettacolo.
- creare nuove istituzioni nella società, che si autogovernano, a partire dal diritto fondamentale al mutualismo e ad un nuovo welfare, al reddito e al riconoscimento dell’indipendenza professionale, artistica, intellettuale, in altre parole: umana.

Abbiamo già molti esempi e risorse: il Valle, il Cinema Palazzo, l’Asilo della conoscenza e della creatività di Napoli, le recenti esperienze di Catania e Palermo, Macao a Milano e tante altre, ma anche il progetto di nuovo mutualismo per i lavoratori indipendenti prospettato dal sindacato Strade; quindi le iniziative dei cittadini europei e nazionali per introdurre misure comunitarie e statali per garantire un reddito di base. E poi la grande ricchezza della partecipazione, e dell’intelligenza, che mettiamo nello sperimentare pratiche di autodeterminazione e protagonismo sociale.

Questo incontro intende continuare a tessere il filo di una condizione comune, pensare iniziative coordinate in tutti i nostri ambiti di intervento a partire dall’autunno, creare sempre nuove occasioni di collaborazione tra le nostre reti all’interno di una piattaforma plurale e comune.

L’obiettivo è di ripartire con questa nostra impresa a fine settembre in un’assemblea nazionale al Teatro Valle.

Il Quinto Stato è un’occasione comune: cogliamola insieme!!

 







 
 

0 Comments

You can be the first one to leave a comment.

 
 

Leave a Comment